Candela di accensione

candela candela2 candela3 candela3

I motori a scoppio si avviano e funzionano con un dispositivo elettrico inserito in ogni cilindro: il dispositivo è chiamato CANDELA DI ACCENSIONE e genera una scintilla che quindi da luogo alla combustione del carburante.

La Firestone ha ideato, pubblicizzato e realizzato una candela con Polonio radioattivo (210Po).

L'idea è del 1924 e asseriva che utilizzando il Polonio radioattivo sarebbe migliorata la conducibilità elettrica del gas.

L'idea di migliorare le prestazioni di una candela mediante l'uso di materiale radioattivo sembra appartenere ad Alfred Hubbard. Il suo brevetto, "Candela motore a combustione interna" (1.723.422), fu depositato l'11 febbraio 1924 e rilasciato il 6 agosto 1929. In particolare, il brevetto affermava che usando il radio per migliorare la conduttività elettrica del gas, la spina poteva impiegare una maggiore scintilla che comporterebbe una combustione più completa del carburante.

Hubbard non fu il primo a suggerire che il materiale radioattivo potesse migliorare le scariche elettriche tra gli elettrodi, nel maggio del 1922 Grover R. Greenslade depositò un brevetto (1.523.013) che descriveva l'uso di radio, uranio, torio o polonio per creare un percorso conduttivo tra conduttori elettrici distanziati. Sebbene il brevetto di Hubbard non riconoscesse Greenslade, si conoscevano e Hubbard doveva essere a conoscenza del lavoro di Greenslade.

La prima pubblicità per queste candele risale al marzo del 1940. Anche quando la produzione si fermò, le candele radioattive Firestone furono pubblicizzate fino agli anni '50 (1953)

Nel 1946 Firestone annunciò una nuova linea di candele che utilizzavano il polonio: "La sensazionale nuova candela Firestone Supreme" "appositamente progettata per la benzina ad alto numero di ottani di oggi."

La differenza chiave tra le candele Firestone e quelle descritte da Hubbard era che le candele Firestone usavano il polonio invece del radio come materiale radioattivo. La ragione di ciò fu enunciata in un brevetto rilasciato da John H. Dillon e assegnato alla Firestone Tire and Rubber Company (brevetto numero 2.254.169, depositato nel dicembre 1939, rilasciato nell'agosto 1941):

"Tuttavia, i tipi di candele radioattive precedentemente noti non sono del tutto soddisfacenti dal punto di vista commerciale, per alcuni usi perché sono o troppo costosi e pericolosi (quando si usa un composto di radio), o inefficaci (quando si usano composti di uranio o di torio). Queste e altre difficoltà hanno impedito la produzione di candele radioattive commercialmente pratiche. La presente invenzione è, in parte, un miglioramento della candela radioattiva descritta nel brevetto U. S. n. 1.723.422, ad A. M. Hubbard. "

Il polonio-210 era incorporato negli elettrodi che formavano la scintilla. Più specificamente, il polonio è stato aggiunto al metallo fuso (una lega di nichel) da cui sono stati ricavati i fili utilizzati per produrre gli elettrodi. Le particelle alfa emesse dal decadimento del polonio ionizzerebbero il gas all'interno della scintilla. Presumibilmente ciò ha provocato una scintilla più lunga e / o "più grassa".

Secondo la pubblicità di Firestone, le candele hanno provocato “Prestazioni del motore più fluide…  raccolta più veloce … partenza più veloce … risparmiare più benzina".

Il numero di Science Digest del novembre 1941 confermò questa affermazione citando i test che indicavano "Il 30 percento in meno di giri sono stati necessari per avviare il motore rispetto ad altre candele."

Oltre alle prestazioni leggermente migliorate al momento dell'installazione delle candele, i loro vantaggi erano discutibili. La breve emivita del polonio-210 (138 giorni) significa che le prestazioni potenziate erano solo temporanee. Ha inoltre messo i concessionari nella scomoda posizione di dover decidere cosa fare dopo che le spine invendute sono rimaste sugli scaffali per periodi prolungati. Inoltre, l'inevitabile accumulo di depositi sulla superficie degli elettrodi dei tappi quando il carburante bruciato dal veicolo attenuerebbe le particelle alfa e impedirebbe loro di ionizzare il gas.

Altri brevetti per candele radioattive

Brevetto U. S. n. 2128457 Alice M. Fairchild. Candela. 30 agosto 1938 (archiviato il 14 dicembre 1936).

Brevetto U. S. n. 2.022.140. Charles Michel. Candela Fornita con un elemento catalizzatore ionizzante. 26 novembre 1935 (archiviato il 10 aprile 1935).

(tratto da https://www.orau.org/ptp/collection/consumer%20products/sparkplugs.htm)

La Firestone è stata l'unica azienda a commercializzare candele radioattive.

Firestone smise di produrli dopo due o tre anni dalla loro introduzione nel 1940.

Nessuno era interessato a duplicare la mancanza di successo di Firestone anche se erano dimostrate prestazioni migliori nei motori.

Attualmente queste candele sono solamente oggetto di collezione e sono abbastanza introvabili: considerando la minima radioattività presente, è praticamente impossibile rilevarla all’esterno dello stesso oggetto.

Analogamente, per chi lo possiede, questo oggetto è da considerare praticamente innocuo

Back to Top