Acque minerali

Lurisia lurisia1-285 Lurisia2 zoe sodazoe-470

Le acque sgorgano sorgive dalle rocce e dal terreno e portano con se tutti o buona parte degli elementi che si trovano nel terreno stesso. Tra questi, anche gli isotopi, dell'Uranio e dei suoi figli: elementi radioattivi come il radio, il radon, il torio, l'attinio. Tra i radionuclidi acquisiti dalle rocce attraverso cui passano, risulta quantitativamente più rilevante il radon. E' quindi normale ritrovarli in diverse concentrazioni anche nelle acque minerali comunemente commercializzate. Era risaputo da tempo che nelle acque minerali naturali di qualsiasi tipo era ed è presente radioattività.

I meno giovani possono ricordare le etichette delle acque minerali imbottigliate che in epoche lontane reclamizzavano con enfasi la presenza di radionuclidi con relativi valori di riferimento espressi in UM (unità Mache). I più “attempati” possono addirittura ricordare locandine pubblicitarie che proponevano prodotti da forno (pane) garantendo che erano stati realizzati rigorosamente con acqua radioattiva. Non era una questione di moda, ma quasi: esattamente come ora un’acqua povera di sodio vende di più, in anni addietro la presenza (e la conferma scritta) del radio era gradita (stiamo parlando degli anni fino all’immediato dopoguerra).

Poi è arrivato l’evento di Chernobyl  che ha fatto tornare alla ribalta l’argomento radioattività (1986). E quelle poche etichette di acque minerali in bottiglia che ancora riportavano indicazioni della presenza di radioattività sono d’improvviso scomparse (pena il rischio di scomparsa della casa produttrice). Ma modificare le etichette non significava modificare la qualità delle acque: semplicemente, non era (e non è) obbligatorio riportare il dato della radioattività in etichetta. E così le acque continuano a contenere in modo assolutamente NATURALE, tracce di radioattività.

Nessuno ha inquinato le acque di falda col Materiale Radioattivo: c’è sempre stato, c'è e sempre ci sarà.

La moda del tempo (anni '50 - 60) voleva far considerare addirittura utile alla salute la presenza della radioattività, tanto che sulle etichette si leggeva l'indicazione di "acqua debolmente radioattiva". Oggi non la leggiamo più ma questo non significa che la radioattività sia scomparsa. Questa radioattività ha fatto e farà sempre parte della nostra quotidianità senza apportare alcuno squilibrio alla nostra salute.

In questa pagina sono riportate le immagini di alcune storiche etichetta, alcune delle quali sono state gentilmente fornite dalla signora Silvia Ghezzi che ne possiede una ricca ed interessante collezione. 

La radioattività nelle acque veniva misurata ed espressa in nanocurie (nCi = 10E-9Ci) e Unità Mache (UM): queste si relazionano così: 1 nCi = 2,75 UM. L'unità Mache (simbolo ME dal tedesco Mache-Einheit) e al plurale "Maches" è una obsoleta unità di misura della radioattività volumetrica, così chiamata in onore al fisico austriaco Heinrich Mache. Era definita come l'attività in nCi di 222Rn (ignorando i prodotti di decadimento) presente in un litro d'aria e che ionizza una corrente costante di 0.001 ESU (0.001 StatAmpere):

1 ME = 3.64 Eman = 3.64×10-10 Ci/L = 13.4545 Bq/L.    (fonte Wikipedia)

Spesso su queste storiche etichette si leggono inusuali (milli-microCi) o sconosciute (oraradioattività) o con diverse declinazioni (Marche) unità di misura.

Ai fini delle valutazioni di salubrità di queste acque e conseguentemente della salute pubblica, di maggiore importanza sono sicuramente le loro caratteristiche chimiche (anche valutando il contenuto radioisotopico) piuttosto che al calcolabile carico radiologico ricavabile dal coefficiente di ingestione riferito ai diversi radionuclidi e rapportato alla Direttiva Acqua 2013/51 del 22 Ottobre 2013, che imputa a carico di ogni singolo soggetto adulto un consumo annuo di acqua pari a 730 litri.

Per ogni UM contenuta in un’acqua si determina un intake di circa 10 kBq e riferendoci al coefficiente di ingestione del 238U si ottiene una dose annuale impegnata di 0,45 mSv.

In Italia, è attualmente vigente il Decreto Legislativo Governo 15 febbraio 2016, n. 28 Attuazione della direttiva 2013/51/EURATOM del Consiglio, del 22 ottobre 2013, che stabilisce requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano. (Gazzetta Ufficiale Italiana 7 marzo 2016, n. 55) che stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano. In particolare, esso stabilisce i principi e disciplina le modalità del controllo delle sostanze radioattive mediante parametri indicatori, nonché i relativi valori di parametro.

Nell’acqua potabile, le linee guida fornite dall’Oms e dalla Commissione europea raccomandano un’intensificazione dei controlli se la concentrazione di radon nelle riserve di acqua potabile supera i 100 Bq/litro. Gli Stati Uniti hanno proposto un limite massimo di 159 Bq/litro per le riserve private d’acqua. La Commissione europea raccomanda azioni immediate oltre i 1000 Bq/litro.

In Italia, il Consiglio superiore di sanità ha raccomandato che la concentrazione di radon nelle acque minerali e imbottigliate non superi i 100 Bq/litro (32 Bq/litro per le acque destinate ai bambini e ai lattanti).

Qui sotto sono riportate una serie di etichette storiche con la radioattività dichiarata e il calcolo del relativo intake. 

fonte bauda Acqua Minerale Fonde Bauda di Calizzano – anno 1968 – UM 0,99 pari a 13,32 Bq/l (0,36 nCi/l) – intake di 9,900 kBq/anno ducale Acqua Minerale Ducale – anno 1965 – UM 0,55 pari a 7,40 Bq/l (0,20 nCi/l) – intake di 5,50 kBq/anno
camoscio Acqua Minerale Camoscio – anno 1964 – UM 1,68 pari a 22,60 Bq/l (0,61 nCi/l) – intake di 16,80 kBq/anno madonna1 Acqua della Madonna – anno 1955 – UM 3.297 pari a 44,36 Bq/l (1,20 nCi/l) – intake di 32,97 kBq/anno
gallo Acqua Minerale Gallo – anno 1960 – UM 3,5 pari a 47,09 Bq/l (1,27 nCi/l) – intake di 35,00 kBq/anno dolomiti Acqua Minerale Dolomiti – anno 1958 – UM 0,6 pari a 8,07 Bq/l (0,22 nCi/l) – intake di 6,00 kBq/anno
ferrarelle0 Acqua Minerale Ferrarelle – anno 1957 – UM 0,2 pari a 2,69 Bq/l (0,07 nCi/l) – intake di 2,00 kBq/anno cerva Acqua Minerale Cerva – anno 1956 – UM 0,54 pari a 7,27 Bq/l (0,2 nCi/l) – intake di 5,40 kBq/anno
castello 4 Acqua Minerale Castello – anno 1953 – UM 0,913 pari a 12,28 Bq/l (0,33 nCi/l) – intake di 9,13 kBq/anno fonti di bormio Acqua Bormio – anno 1952 – UM 204,3 pari a 2748,75 Bq/l (74,28 nCi/l) – intake di 2043,00 kBq/anno
acetosella9 Acqua Minerale naturale ACETOSELLA – anno 1933 – UM 22.6 pari a 304,07 Bq/l (nCi 8,22) – intake di 226 kBq/anno bormioi Acqua BORMIO – anno 1952 – UM 202,6 pari a 2725,88 Bq/l (73,67 nCi/l) – intake di 2026,00 kBq/anno
etrusca Acqua Minerale Fonte Etrusca – anno 1964 – UM 1,05 pari a 14,13 Bq/l (0,38 nCi/l) – intake di 10,50 kBq/anno ausonia8 Acqua Ausonia – anno 1922 – UM 31,9 pari a 429,20 Bq/l (11,60 nCi/l) – intake di 319,00 kBq/anno
appia Acqua Appia – anno 1949 – UM 5,39 pari a 72,52 Bq/l (1,96 nCi/l) – intake di 53,9 kBq/anno calena Acqua Calena – anno 1959 – UM 0,9 pari a 12,11 Bq/l (0,33 nCi/l) – intake di 9,00 kBq/anno
antesana Acqua Antesana – anno 1947 – UM 11,8 pari a 158,76 Bq/l (4,29 nCi/l) – intake di 118 kBq/anno agliano1 Acqua di Agliano – anno 1922 – UM 9,4 pari a 126,47 Bq/l (3,42 nCi/l) – intake di 94 kBq/anno
augina1 Acqua Augina – anno 1980 – UM 0,8 pari a 10,76 Bq/l (0,29 nCi/l) – intake di 8,0 kBq/anno cutolo6 Acqua Minerale Cutolo – anno 1952 – UM 0,019 pari a 0,26 Bq/l (0,01 nCi/l) – intake di 0,19 kBq/anno
daggio16 Acqua Minerale Daggio – anno 1954 – UM 1,49 pari a 20,05 Bq/l (0,54 nCi/l) – intake di 14,90 kBq/anno eletta1 Acqua Minerale Eletta – anno 1968 – UM 0,29 pari a 3,90 Bq/l (0,11 nCi/l) – intake di 2,09 kBq/anno
fontebaveno Acqua Minerale Fonte Baveno – anno 1969 – UM 14,3 pari a 192,4 Bq/l (5,2 nCi/l) – intake di 143,0 kBq/anno fontepatri6 Acqua Minerale FontePatri – anno 1951 – UM 0,35 pari a 4,71 Bq/l (0,13 nCi/l) – intake di 5,5 kBq/anno
gloriosa Acqua Minerale Gloriosa – anno 1960 – UM 0,51 pari a 6,86 Bq/l (0,19 nCi/l) – intake di 5,10 kBq/anno lete 3 Acqua Minerale Lete – anno 1937 – UM 0,43 pari a 5,79 Bq/l (0,16 nCi/l) – intake di 4,30 kBq/anno
Fonti di Crodo (1949) Acqua Minerale Lisiel – anno 1954 – UM 1,51 pari a 20,32 Bq/l (0,55 nCi/l) – intake di 15,1 kBq/anno lurisia24 Acqua Minerale Lurisia – anno 1948 – UM 11,00 pari a 148,00 Bq/l (4,00 nCi/l) – intake di 110,00 kBq/anno
lurisia 1 Acqua Minerale Lurisia – anno 1967 – UM 3,6 pari a 48,44 Bq/l (1,31 nCi/l) – intake di 36,00 kBq/anno mercede8 Acqua Minerale Mercede – anno 1961 – UM 0,8 pari a 10,76 Bq/l (0,29 nCi/l) – intake di 8,00 kBq/anno
guardia Acqua Minerale Fonti Madonna della Guardia – anno 1967 – UM 1,2 pari a 16,15 Bq/l (0,44 nCi/l) – intake di 12,00 kBq/anno guardia3 Acqua Minerale Fonti Madonna della Guardia – anno 1967 – UM 1,2 pari a 16,15 Bq/l (0,44 nCi/l) – intake di 12,00 kBq/anno
meo2 Acqua Minerale Meo – anno 1922 – UM 3,29 pari a 44,27 Bq/l (1,2 nCi/l) – intake di 32,9 kBq/anno marcella Acqua Minerale Marcella – anno 1929 – UM 5,7 pari a 76,69 Bq/l (2,07 nCi/l) – intake di 57,0 kBq/anno
plose Acqua Minerale Plose – anno 1954 – UM 13,07 pari a 175,85 Bq/l (4,75 nCi/l) – intake di 130,70 kBq/anno pompei1 Acqua Minerale Pompei – anno 1957 – UM 1,45 pari a 19,51 Bq/l (0,53 nCi/l) – intake di 14,50 kBq/anno
montes1 Acqua Minerale Montes – anno 1921 – UM 0,5pari a 6,73 Bq/l (0,18 nCi/l) – intake di 5,00 kBq/anno paradiso0 Acqua Minerale Paradiso – anno 1968 – UM 0,303 pari a 4,08 Bq/l (0,11 nCi/l) – intake di 3,03 kBq/anno
mineralneri1 Acqua Minerale Mineralneri – anno 1966 – UM 5,83 pari a 78,44 Bq/l (2,12 nCi/l) – intake di 58,3 kBq/anno nepi4 Acqua Minerale Nepi – anno 1983 – UM 36 pari a 484,362 Bq/l (13,08 nCi/l) – intake di 361,00 kBq/anno
s pietro1 Acqua Minerale San Pietro - anno 1973 – UM 7,3 pari a 98,22 Bq/l (2,65 nCi/l) – intake di 73,00 kBq/anno s.pietro5 Acqua Minerale San Pietro - anno 1974 – UM 8,2 pari a 110,33 Bq/l (2,98 nCi/l) – intake di 82,00 kBq/anno
rinfresco Acqua Minerale Rinfresco – anno 1970 – UM 16,6 pari a 223,34 Bq/l (6,04 nCi/l) – intake di 166,00 kBq/anno romito1 Acqua Minerale Romito – anno 1969 – UM 0,165 pari a 2,22 Bq/l (0,06 nCi/l) – intake di 1,65 kBq/anno
pracastello2 Acqua Minerale Pracastello – anno 1953 – UM 10,4 pari a 139,93 Bq/l (3,78 nCi/l) – intake di 104,00 kBq/anno recoaro Acqua Minerale Recoaro – anno 1942 – UM 1 pari a 13,45 Bq/l (0,36 nCi/l) – intake di 10,00 kBq/anno
regina1 Acqua Minerale Regina – anno 1970 – UM 1,8 pari a 24,22 Bq/l (0,65 nCi/l) – intake di 18,00 kBq/anno roccolo3 Acqua Minerale Roccolo – anno 1959 – UM 4,0 pari a 53,82 Bq/l (1,45 nCi/l) – intake di 40,00 kBq/anno
regina1 Acqua Minerale Regina – anno 1970 – UM 1,8 pari a 24,22 Bq/l (0,65 nCi/l) – intake di 18,00 kBq/anno roccolo3 Acqua Minerale Roccolo – anno 1959 – UM 4,0 pari a 53,82 Bq/l (1,45 nCi/l) – intake di 40,00 kBq/anno
roveta1 Acqua Minerale Roveta – anno 1922 – UM 1,1 pari a 14,80 Bq/l (0,4 nCi/l) – intake di 11,00 kBq/anno san carlo1 Acqua Minerale San Carlo - anno 1971 – UM 1,4 pari a 18,84 Bq/l (0,51 nCi/l) – intake di 14,00 kBq/anno
tavina0 Acqua Minerale Fonte Tavina di Salò - anno 1965 – UM 0,138 pari a 1,86 Bq/l (0,05 nCi/l) – intake di 1,38 kBq/anno santaclara2 Acqua Minerale Santa Clara - anno 1954 – UM 1,2 pari a 16,15 Bq/l (0,44 nCi/l) – intake di 12,00 kBq/anno
martino0 Acqua Minerale San Martino - anno 1966 – UM 0,729 pari a 9,81 Bq/l (0,27 nCi/l) – intake di 7,29 kBq/anno sanpellegrinov Acqua Minerale San Pellegrino - anno 1954 – UM 2,0 pari a 26,91 Bq/l (0,73 nCi/l) – intake di 20,00 kBq/anno
s.silvestro1 Acqua Minerale San Silvestro - anno 1954 – UM 0,39 pari a 5,25 Bq/l (0,14 nCi/l) – intake di 3,90 kBq/anno s.lucia7 Acqua Minerale Santa Lucia - anno 1964 – UM 0,11 pari a 1,48 Bq/l (0,04 nCi/l) – intake di 1,10 kBq/anno
silva Acqua Minerale Silva - anno 1951 – UM 0,3 pari a 4,04 Bq/l (0,11 nCi/l) – intake di 3,00 kBq/anno tamerici Acqua Minerale Tamerici - anno 1970 – UM 2,04 pari a 27,45 Bq/l (0,74 nCi/l) – intake di 20,40 kBq/anno
tettuccio Acqua Minerale Tettuccio - anno 1970 – UM 44,7 pari a 601,42 Bq/l (16,25 nCi/l) – intake di 447,00 kBq/anno tolentino Acqua Minerale Tolentino - anno 1954 – UM 8,2 pari a 110,33 Bq/l (2,98 nCi/l) – intake di 82,00 kBq/anno
torricella1 Acqua Minerale Torricella - anno 1947 – UM 12,9 pari a 173,56 Bq/l (4,69 nCi/l) – intake di 129,00 kBq/anno Vera Acqua Minerale Vera - anno 1989 – UM 0,528 pari a 7,10 Bq/l (0,19 nCi/l) – intake di 5,28 kBq/anno
Lurisia Acqua Minerale Lurisia – anno 1960 – UM 3100,00 pari a 41708,95 Bq/l (1127,16 nCi/l) – intake di 31000,00 kBq/anno argentina Acqua Minerale Fonte Argentina – anno 1945 – UM 0,4 pari a 5,38 Bq/l (0,15 nCi/l) – intake di 4,00 kBq/anno
tavina Acqua Minerale Fonte Tavina di Salò - anno 1965 – UM 0,25 pari a 0,09 Bq/l (3,50 nCi/l) – intake di 1,38 kBq/anno mineralner2 1988 Acqua Minerale Mineralneri – anno 1965 – UM 2,0 pari a 26,19 Bq/l (0,73 nCi/l) – intake di 20,0 kBq/anno
Fonti di Crodo (1949) Acqua Minerale Fonti di Crodo – anno 1949 – UM 1,25 pari a 16,82 Bq/l (0,45 nCi/l) – intake di 12,50 kBq/anno antesana2 Acqua Antesana – anno 1947 – UM 11,8 pari a 158,76 Bq/l (4,29 nCi/l) – intake di 118 kBq/anno
santaclara Acqua Minerale Santa Clara - anno 1954 – UM 1,2 pari a 16,15 Bq/l (0,44 nCi/l) – intake di 12,00 kBq/anno fonte del faro Acqua Minerale Fonte del Faro - anno 1951 – UM 8,42 pari a 113,29 Bq/l (3,06 nCi/l) – intake di 84,20 kBq/anno
gaudianello3 Acqua Minerale Gaudianello di Monticchio - anno 1958 – UM 3,27 pari a 44,00 Bq/l (1,19 nCi/l) – intake di 32,70 kBq/anno capannelle Acqua Minerale Capannelle - anno 1983 – UM 2,81 pari a 37,81 Bq/l (1,02 nCi/l) – intake di 28,10 kBq/anno
generosa Acqua Minerale Generosa - anno 1952 – UM 0,19 pari a 2,56 Bq/l (0,07 nCi/l) – intake di 1,90 kBq/anno s.paolo Acqua Minerale San Paolo - anno 1982 – UM 0,6 pari a 8,07 Bq/l (0,22 nCi/l) – intake di 6,0 kBq/anno
Back to Top