Sala dei prodotti irraggiati

dispositivi medici grappoli tappi sughero
Ambito sanitario  Alimenti Oggetti comuni

 

Il CROSS LINKING

La reticolazione di polimeri (crosslinking) permette la realizzazione di altre catene polimeriche, variando le proprietà fisico-meccaniche del materiale (elasticità, durezza, resistenza, ecc.).

Il più semplice esempio di polimero è il polietilene che nasce dalla condensazione di molecole d’etilene (CH2= CH2).

La reticolazione mediante trattamento con radiazioni ad alta energia è una tecnologia con un ampio campo di applicazioni. Il polimero reticolato, come è ben noto, ha il vantaggio di resistere a temperature più elevate, di avere migliore resistenza ai solventi e stabilità dimensionale. Tali proprietà rendono possibile l’uso dei polimeri reticolati in campo elettrico e in applicazioni ad alte temperature. Questa tecnologia viene quindi usata per la fabbricazione di cavi elettrici. I grossi vantaggi di questo metodo sono la possibilità di attuazione a temperatura ambiente e l’elevata velocità.

Il PTFE (poli-tetra-fluoro-etilene) è un polimero che è stato scoperto casualmente e ne sono state dimostrate proprietà alquanto singolari: non veniva praticamente aggredito da alcun reagente chimico, la sua superficie era talmente scivolosa che nessun materiale era in grado di aderirvi, era assolutamente idrofobo. Lo troviamo, ad esempio, sulle padelle come antiaderente, negli inchiostri delle penne stilografiche e non, nei lubrificanti, negli oli e nei grassi, ecc. La reticolazione del PTFE si ottiene anche mediante irraggiamento con radiazioni ionizzanti.

Irraggiamento degli alimenti

Il Comitato Scientifico dell’Alimentazione umana, basandosi sui lavori della FAO/IAEA/WHO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/International Atomic Energy Agency/World Health Organization), ha affermato che l’irraggiamento delle derrate alimentari fino alla dose massima di 10 KGy non presenta problemi di natura tossicologica, nutrizionale e microbiologica. Nell’Unione Europea solo alcuni Paesi (Belgio, Francia, Regno Unito, Italia e Paesi Bassi) consentono l’irradiazione di specifici alimenti, oltre alle erbe aromatiche essiccate, spezie e condimenti vegetali, che sono ora ammesse in tutti i Paesi comunitari. 

Gli alimenti per cui è ammesso l’irraggiamento sono: pollame, gamberi, pesci e molluschi, cosce di rana, albume d’uovo, caseina, patate, aglio, cipolle, scalogno, legumi, cereali, gomma arabica, frutta e verdura fresca e secca.

Applicazioni delle radiazioni ionizzanti accettate in USA dalla FDA

Prodotto

Dose (KGy)

Scopo del trattamento

Data

Frumento, farina di frumento

0,2-0,5

Disinfestazione dagli insetti

1963

Patate

0,05-0,15

Antigermogliazione

1964

Carne di maiale

0,3-1

Controllo Trichinella spiralis

1985

Enzimi disidradati

massimo 10

Controllo microbiologico

1986

Frutta

massimo 1

Disinfestazione e ritardo della maturazione

1986

Vegetali freschi

massimo 1

Disinfestazione

1986

Erbe e spezie e condimenti vegetali

massimo 30

Controllo microbiologico

1986

Carne di pollo fresca o congelata

massimo 3

Controllo microbiologico

1990

Carne congelata confezionata*

minimo 44

Sterilizzazione

1995

Carne cruda refrigerata

massimo 4,5

Controllo microbiologico

1997

Carne cruda congelata

massimo 7

Controllo microbiologico

1997

* utilizzata solo nei programmi di volo spaziali

Back to Top